Germano vince a Cannes: censura del Tg1 sulle parole dell’attore?

0
74

Ad aprire e chiudere la 63° edizione del Festival di Cannes é stata la sua madrina, ovvero Kristin Scott Thomas che ha guidato i presenti verso la cerimonia di premiazioni con relativa consegna della Palma d’Oro.
Il film migliore é stato “Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives” del thailandese Weerasethakul, mentre il premio per il Miglior attore è un ex aequo consegnato a Javier Bardem per “Biutiful” di Inarritu e al “nostro” Elio Germano per “La nostra vita” di Luchetti.
La miglior attrice é Juliette Binoche per “Copia Conforme” di Kiarostami e il miglior regista é Mathieu Amalric per il film “Tournée”.

E’ stata un italiana, Asia Argento, a introdurre il nome del vincitore del Premio della giuria andato a “Un homme qui crie n’est pas un ours qui danse”, mentre l’attrice Juliette Binoche con la sua vittoria ha voluto ricordare il regista iraniano Jafar Panahi, in carcere a Teheran: “C’è un uomo la cui colpa è di essere un artista. Penso a lui proprio questa sera e spero di essere con lui qui l’anno prossimo. E’ una lotta difficile. Il Paese ha bisogno di noi artisti”.
Elio Germano ha poi fatto la sua dedica: “Siccome i nostri governanti rimproverano sempre i cineasti perché parlano male di questo Paese dedico questo premio all’Italia e agli italiani che fanno di tutto per rendere l’Italia migliore, nonostante la loro classe dirigente”.
Nascono subito le polemiche, soprattutto per il mancato funzionamento del collegamento del Tg1 che a Cannes si affidava all’inviato Vincenzo Mollica affiancato dal regista Luchetti, e nel momento in cui é stato trasmessa la registrazione si perde l’audio, immediatamente viene trasmesso un altro servizio e le dichiarazioni dell’attore vengono poi lette dal conduttore, tralasciando la parte più importante pronunciata dall’attore.
Il problema é stato solo tecnico, così assicurano, ma c’é già chi parla di censura!
A mente fredda l’attore ha poi spiegato meglio la sua dedica: “Non mi riferivo ai politici, ma a chi comanda in generale, chi sta nei posti importanti”.

Alessandra Battistini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here