Festival di Cannes: Draquila un successo meritato

0
54

Primeggia al Festival di Cannes il film di Sabina Guzzanti dal titolo “Draquila,. L’Italia che trema”, il documentario  uori gara sulla città abruzzese colpita dal terremoto del 6 Aprile 2009. Oggi, dopo il successo a Cannes, la pellicola della Guzzanti approda nelle sale cinematografiche.

Al centro delle polemiche, Draquila è «Una riflessione sulla deriva autoritaria italiana», come spiega la regista Sabina Guzzanti. La denuncia va da Guido Bertolaso, capo della protezione civile, passando, poi, per il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, poiché, secondo la Guzzanti, non hanno fatto il possibile per gli abitanti aquilani e per la stessa città. La Guzzanti parla della sua verità, contrapposta a quella che il versante politico ci offre: la Guzzanti si reca presso i luoghi colpiti dal sisma, raccoglie, per circa nove mesi, tutto il materiale che le occorre per montare su il film-documentario che vanta ben 700 ore di registrazione.

Oltre alla facciata politica, Sabina Guzzanti ci mostra, nella sua pellicola, l’umanità e la speranza di voler ricominciare a tutti i costi dei comuni abruzzesi, innamorati delle loro terre e fieri di appartenervi, tenaci in tutto e per tutto al fine di contribuire alla ripresa della regione e, soprattutto, dei comuni nei pressi dell’Aquila, compresa L’Aquila stessa. Una sorta di sfida, una esigenza, un bisogno, un voltare pagina. La Guzzanti è riuscita a filmare tutto questo, è riuscita a dare delle immagini alle emozioni e ai sentimenti della popolazione abruzzese, degli stessi terremotati che hanno passato i loro momenti più difficili nelle tendopoli o negli alberghi sulla costa.

Non solo commenti politici, dunque, nel film-documentario Draquila. L’Italia che trema, ma anche tanta storia, la vera storia che passa attraverso i filtri cinematografici di Sabina Guzzanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here