Megan Fox vs. Michael Bay, ma fu Spielberg a cacciarla da “Transformers”

1
191

La sempre più irriconoscibile Megan Fox, vittima dello show business di Hollywood (e delle continue sedute di botox), torna a far parlare di sè a causa della lite che l’attrice ha avuto con il regista Michael Bay, colui che ha potuto dirigerla nella saga di “Trasformers”, dove la Fox è apparsa per i primi due capitoli.
Per diversi mesi sembrava che a causa di continue incomprensioni il regista avesse deciso di tagliarla fuori, ma in verità pare che il “licenziamento” dell’attrice sia stato voluto da un produttore.

Il produttore in questione è Steven Spielberg che non avrebbe visto di buon occhio un commento infelice pronunciato dell’attrice nei confronti del regista.
La notizia è stata riportata direttamente da Bay alla rivista Daily Mail: la bella 25enne attrice parlando di Bay lo paragonò alla figura di Hitler, per spiegare l’atteggiamento tenuto dal regista sul set del film.
“Avete presente quel commento su Hitler? Steven mi disse: licenziala subito”, ha dichiarato Bay.
Detto, fatto! Nel terzo capitolo di “Trasformers” al posto della Fox è infatti stata scelta la modella Rosie Huntington-Whiteley, pronta ad affiancare l’amatissimo Shia LaBeouf.
E sembra proprio che questa scelta abbia reso felici i produttori, che in una nota scritta spiegarono: “Michael ha trovato questa ragazza, timida e inesperta, e l’ha condotta fuori dall’oblio, offrendole il più grande colpo nella vita di una giovane attrice”.

Alessandra Battistini

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here