Titanic – un colossal pluripremiato

0
118

titanicTerza versione cinematografica della tragedia del transatlantico Titanic, nave inglese da record inabissatasi nell’Atlantico la notte del 15 Aprile del 1912 a seguito di una collisione con un iceberg. Il regista canadese James Cameron (1954) ha rievocato la tragedia in 3 ore e 14 minuti di cui poco più di un’ora riguarda l’affondamento. Il resto, è riservato agli eventi iniziali e a quello che ne è stato successivamente, con un prologo nel regno dei morti, a 4000 metri di profondità oceanica nel 1996 e un epilogo in paradiso, entrambi di carattere onirico, ma in modo diverso.

[ad]

Il primo film prodotto sulla sciagura del transatlantico inglese si intitolava “Titanic” ed è stato diretto da Jean Negulesco nel 1953, in bianco e nero, per una durata di 98′. La seconda pellicola si intitolava “Titanic, latitudine 41 Nord”, di Ward Baker, un bianco e nero di 123′ prodotto in Gran Bretagna nel 1958. Tuttora ritenuti dalla critica cinematografica  due film di ottima annata, la prima pellicola di Negulesco ha vinto anche un oscar per la miglior sceneggiatura. Oltre ai colossi trasmessi sui grandi schermi del cinema, tanti sono stati stati, e di difficile catalogazione, i film sul Titanic girati per le televisioni, di gran lunga meno spettacolari e suggestivi in quanto i budget erano estremamente ridotti.

La trama del film è essenzialmente incentrata su Jack Dawson (Leonardo di Caprio) e Rose De Witt (Kate Winslet), due giovani innamorati ma appartenenti a due mondi completamente diversi. Jack è un proletario imbarcatosi sul Titanic con la vincita incassata ad una partita di poker, Rose è una deliziosa aristocratica in preda a crisi esistenziali riguardanti l’appartenenza alla sua classe sociale, ai vizi dei ricchi, vecchi e nuovi, allo sdegno del falso amore che la teneva forzatamente al fianco di Caledon ‘Cal’ Hockley (Billy Zane).

Sostanzialmente, il Titanic di Cameron si compone di un proemio, una parte centrale e, per chiudere, un epilogo. La parte centrale è articolata in due parti principali e cioè la prima in cui viene messa in scena la storia d’amore dei due giovani Jack e Rose; la seconda, cupa, triste ed emozionante, invece, lascia ampio spazio all’intera vicenda del Titanic. L’epilogo di questa splendida pellicola, si concentra sull’affondamento del Titanic, al quale Cameron ha voluto dedicare 90’ di emozionanti scene, rese esclusive dalla presenza di effetti speciali che lasciano incantato qualsiasi spettatore che vi si accosti alla storia.

[ad]

In questa splendida pellicola, Cameron vi fonde il melodramma, il catastrofico e l’epico nel contesto della rigorosa cronaca di una tragedia colposa, indicando gli errori tecnici, le responsabilità umane, le smanie da prima pagina, le viltà, la divisione in classi, prestandosi, così, a molteplici iter narrativi: il politico, il sociale, lo storico, il simbolico, il filmico, il metacinematografico, il tecnologico.

L’intera scenografia è accompagnata dalla romantica “My Heart Will Go On” di Celine Dion, colonna sonora del film. Undici premi Oscar, incluso quello come miglior film, e un incasso di 1.800 milioni di dollari in tutto il mondo hanno fatto del Titanic di Cameron un successo senza eguali nella storia del cinema. Costato complessivamente 270 milioni di dollari, il Titanic di Cameron è risultato il più ambizioso dei tre film prodotti ma non è stato ribattezzato come il migliore in assoluto dalla critica critica anche se, grazie agli incassi da record, ha strappato dal pubblico i meritati applausi.

Senza ombra di dubbio, il Titanic di Cameron è uno dei primati per i 200 milioni di dollari di costo, per il sovraccosto, per gli incassi, per gli 11 Oscar: film, regia, fotografia (Russell Carpenter), scene (Peter Lamont, Michael Ford), costumi (Deborah Lynn Scott), montaggio (Conrad Buff, J. Cameron, Richard A. Harris), musiche (James Horner), suono, effetti sonori, effetti speciali visivi, canzone (My Heart Will Go on, cantata da Céline Dion). K. Winslet doppiata da Chiara Colizzi, L. DiCaprio da Francesco Pezzulli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here